Archivi

Derattizzazioni

Il trattamento prevede  il posizionamento di erogatori di esche rodenticida lungo tutto il primetro da trattare  gli stessi hanno la caratteristica di riprodurre la tana ideale all’interno della quale il Ratto, sentendosi al sicuro, ingerisce una quantità d’esca (anticoagulante)  sufficiente a raggiungere la dose  letale.

L’esca rimane protetta e non vi è il rischio che altri animali possano ingerirla o esserne danneggiati.

Ratti presenti sul territorio italiano:

  • RATTUS NORVEGICUS
  • RATTUS RATTUS
  • MUS MUSCULUS (TOPO DOMESTICO)

Prole in un anno: da 20x femmina a 30-35 del topo domestico.

Le due tipologie del danno dei ratti

Danni Sanitari I danni Sanitari sono molteplici, le malattie possono essere trasmesse da questi roditori direttamente e indirettamente attraverso pulci, zecche o acari parassiti dei ratti (Peste, tifo, salmonella, rabbia, febbre gialla, leptospirosi).

Danni Economici vi sono inoltre i danni economici legati all’attività di costruzione dei nidi e alla ricerca del cibo, che li induce ad “assaggiare” qualsiasi sostanza, dai cavi elettrici al polistirolo espanso e quindi danneggiare irreparabilmente condutture elettriche ed elettroniche ed inquinamento delle derrate alimentari